Il sito web di Cristina Sartori - Tiziana Rocca. Comunicazione e personalità
Il sito web di Cristina Sartori
Home arrow Articoli Pubblicati arrow Tiziana Rocca. Comunicazione e personalità
Menu principale
Home
Articoli Pubblicati
Altri Scritti
Ultime Notizie
Dicono di me
Mappa del sito
Cerca nel sito
Contatti
Articoli Pubblicati
Padre Placido Cortese, la sua vita dono del silenzio.

CORCOS. I SOGNI DELLA BELLE ÉPOQUE

L’OSSESSIONE NORDICA. BÖCKLIN, KLIMT, MUNCH E LA PITTURA ITALIANA

LA BELLA DI TIZIANO

DONNE EBREE, PROTAGONISTE DELL'ARTE ITALIANA

UGO VALERI. VOLTO RIBELLE DELLA BELLE ÉPOQUE

GRAZIELLA VIGO. VERDI IN SCENA

MANET. RITORNO A VENEZIA

GOUPIL e GLI ITALIANI DI PARIGI. Mostra a Palazzo Roverella

GIUSEPPE DE NITTIS

ARCHITETTURA Gruppo giardino storico. Il paesaggio tra natura e storia

IL MERCATO DEL TESSUTO. Storia di un negozio e di una famiglia

PADOVA 1310. PERCORSI NEI CANTIERI ARCHITETTONICI E PITTORICI DELLA BASILICA DEL SANTO.

L'ARTE SCOPRE LA DONNA DI FATICA

Il Gattamelata vuole tornare a risplendere

OSPITI AL MUSEO, La mostra ai Civici Musei di Padova

SOROLLA. I colori e il sole d’Andalusia

IL DIVISIONISMO A PALAZZO ROVERELLA A ROVIGO

QUANDO L’ARTE DIVENTA PREGHIERA: L’ARPA DI LETIZIA PIVA

QUELLA DEL VAJONT, la vita di Tina Merlin

Erano prigionieri a Padova gli jugoslavi deportati dal fascismo

La Luna di Miele! Un sogno lungo un viaggio

MATRIMONIO IN TEMPO DI SOBRIETA'

VENERANDA ARCA DEL SANTO 2012 - Proseguono i restauri

VENERANDA ARCA DEL SANTO 2012 - Proseguono i restauri

IL CELESTE IMPERO: la dinastia Manciù a Treviso

REMBRANDT a PADOVA e altre mostre a NordEst

RESTAURATE LE SALE SAVOIA a VILLA PISANI di STRA

LA ZONA INDUSTRIALE NORD DI PADOVA

Ill nuovo Orto Botanico di Padova

BIENNALE DI ARCHITETTURA “BARBARA CAPPOCHIN” – V^ edizione 2011

ESPRESSIONISMO E SIMBOLISMO in mostra

ARTE IN MOSTRA - VENEZIA E L'EGITTO

LIDIA MARTINI

UN RICORDO DI LIDIA MARTINI

MOSTRE DI FINE ESTATE

PADOVA NEL RISORGIMENTO

RISORGIMENTO E CHIESA

LE GRANDI MOSTRE. Dall’evento alla normalità

CHARDIN COPIA CHARDIN

MOSTRE A NORDEST

MUNCH E LO SPIRITO DEL NORD. Scandinavia nel secondo Ottocento

DA CANOVA A MODIGLIANI. IL VOLTO DELL’OTTOCENTO

GIACOMO FAVRETTO Riscoperta d’un maestro dell’Ottocento veneto e di un’arte fatta di particolari

FIORI E MOSTRE FLOREALI

STORIE DI UOMINI E DI CANI

LUCIO DALLA SULLE ORME DEI FRANCESCANI

GIORGIONE, In una mostra il suo mistero

BOLDINI E SIGNORINI, Italiani d'Europa, stregati da Parigi

Restauro per Villa Contarini Ghirardi

Padovano dal respiro magiaro - Matteo Massagrande a Villa Manin

L'ATELIER DELLA DECIMA MUSA

PINACOTECA DI BRERA. DUECENTO ANNI DI STORIA

In restauro il colonnato del Bernini

ANDAR PER MOSTRE A NORD EST

RITRATTI ILLUSTRI: I Giganti Padovani

Puccini, genio e sregolatezza

Sant'Antonio approda in Russia

Il Santo cambia casa

Adelina, mai più sulla strada

LA PADOVA POSSIBILE DI GIUSEPPE JAPPELLI

Mario Rigoni Stern. Il ricordo di Gian Antonio Stella

LA DONNA NELLA BELLE ÉPOQUE ITALIANA

I Giganti del Liviano, maestri di virtù

50 Giganti vestiti di nuovo

Testimoni a rischio della vita

Jappelli in punta di lapis

Neri Marcorè: un vero camaleonte dello schermo

Ottavia Piccolo attrice per caso

Veronica Pivetti, tanta voglia di ridere

Buon compleanno Cinecittà

CINEMA. INTERVISTA A GIULIO BASE, REGISTA DEL FILM "L’INCHIESTA"

Tiziana Rocca. Comunicazione e personalità

A Rovigo la prima antologica su Mario Cavaglieri

Serre e Giardini d'Inverno: da semplici cedrare a spazi conviviali

Grande sporca guerra nel libro "La guerra di Giovanni" di Edoardo Pittalis

Numeri e curiosità di una grande rivista

Lorella Cuccarini, la più amata dagli italiani

Lorella Cuccarini in Congo e Sri Lanka per Trenta Ore per la Vita

Padre Placido Cortese: il coraggio del silenzio

Tina Lepri e Diana de Feo su MADRE

Turner e gli Impressionisti a Brescia

A Padova, riapre la Scoletta del Santo

L’arte e il sacro. La scommessa di Verona

Andar per Ville.. tra fasti e segreti

Luisa Corna. Una vita per cantare

Padre Peter Zago tra i bambini del Pakistan

Andrea Mantegna: 1506-2006. Catturò i primi segni del Rinascimento

Un nuovo volo per Francesco Baracca

Andrea Mantegna, l'inventore del Rinascimento

Quinta Edizione del "Premio Internazionale Sant'Antonio"

Torna visibile la Sala dell'Iscrizione del Castello della Specola

La rosa persa e ritrovata

Le Stanze del Principe. I Camerini del duca Alfonso I d'Este

Emozioni cromatiche. 35 anni di pittura di Ferruccio Gard

Filippo De Pisis a Palazzo dei Diamanti

Ville Venete - un portale per il Terzo Millennio

Marilena Rubaltelli. Lacci, barriere e tanta voglia di vivere

A Maggio si rivedrà la "Rosa di sant'Antonio"

EUROPA: è italiano un fiore su quattro

A La Spezia in mostra la Collezione Lia

Santa Giustina - Un cantiere aperto da oltre 400 anni

Ville Venete: il prossimo passo la tutela del paesaggio

A Gardone Riviera il Museo del Divino Infante - I Bambini di Hiky Mair

Sono tornate le “ruote“: ora sono “le culle per la vita“.

Le mostre evento del 2006

L'emozione e la storia sciolti nel paesaggio



Joshua Reynolds e l'invenzione della celebrità

Esperienze Professionali
Ufficio Stampa
Giornali
Pubblicazioni
Radio
Televisione
Formazione
Tiziana Rocca. Comunicazione e personalità Stampa E-mail
martedì 10 aprile 2007

La famosa PR Tiziana Rocca, moglie del regista e attore Giulio Base, protagonista del numero di Marzo del mensile MADRE.

L'intervista di Cristina Sartori, MADRE di marzo, pag. 28 - 30.

pdf


«Fare le Pubbliche Relazioni non è solo organizzare pranzi e ricevimenti, è fare comunicazione a 360 gradi per far conoscere un prodotto, un evento. Ci vuole pianificazione, strategia, competenze e professionalità per dare il maggior risalto a un prodotto. Bisogna far attenzione alla comunicazione perché oggi può essere una buona occasione per avere una marcia in più, ma se sbagliata può anche ritorcersi contro».

Nelle molte foto che la ritraggono accanto a personaggi famosi o durante gli eventi che organizza per i vip del mondo del cinema e dello spettacolo, Tiziana Rocca si distingue per il suo inconfondibile e raffinato stile. Quando l’abbiamo incontrata nel suo studio, nel centro di Roma, ci ha invece colpito l’immediata simpatia e semplicità: capelli sciolti, jeans, il sorriso aperto, quell’immediata comunicativa tipica del sole partenopeo che le ha dato i natali, con il telefono sempre in mano e la capacità di tenere ogni cosa sotto controllo. E poi Tiziana è una donna estremamente pratica e concreta nel suo lavoro così come nella vita e con i suoi tre figli. Il telefono in una mano per definire gli ultimi dettagli della cena con attori del cinema internazionale, il cellulare nell’altra per sincerarsi che i figli piccoli abbiano mangiato, aggiungendo che sarà a casa al più presto per la favola serale. Prima di tutto Tiziana Rocca, una tra le più apprezzate PR italiane, è moglie del regista e attore Giulio Base e madre di tre splendidi figli, Cristiana, Vittorio e Valerio.

C’è qualcosa di autentico in questo mondo delle riviste o è solo apparenza?

Rapporti che si consolidano anche dopo il momento di spettacolo. Ho incontrato tante persone positive che frequento anche fuori dal lavoro e per le quali cerco di essere sempre disponibile. Credo che alla lunga questo paghi, perché per tutti la vita è altro dalle luci e dai lustrini. Prima di tutto, per me, viene la correttezza e l’etica ed è quello che insegno anche ai ragazzi che seguono i miei corsi di comunicazione a Cinecittà Campus. Un lavoro impegnativo, una famiglia numerosa e un marito famoso.
Tutte le donne fanno i salti mortali per conciliare queste due cose. Essendo io perfezionista voglio fare tutto bene ed essere presente su tutto, e non è facile. Ma è la famiglia che mi dà la forza di fare ogni cosa e che mi sostiene anche nei momenti più difficili. Noi siamo uniti e ci sosteniamo a vicenda anche nei progetti di mio marito;

Come concilia famiglia e lavoro?

Tutti per uno e uno per tutti! I miei bambini, Cristiana di 10 anni, Vittorio di 4 anni e Valerio di 3, vengono al primo posto. Cerco di occuparmi di tutto ciò che li riguarda, cosa mangiano, dove vanno, cosa vogliono. Il sabato e la domenica sono dedicati a loro: cerco di non prendere impegni lavorativi per poter stare tutti insieme. E così con Giulio si va al musical o al cinema con loro o si trascorre insieme la domenica. Lo scorso anno eravamo a Venezia durante il Festival del Cinema: mi sono portata dietro tutti gli addobbi per organizzare comunque la festa di compleanno a Valerio, che è nato il mio stesso giorno e a Venezia ha compiuto 3 anni, perché non vi dovesse rinunciare per i nostri impegni lavorativi.

Che televisione fa vedere – o non vedere – ai suoi figli?

I miei bambini vedono poca televisione e privilegiano i film. Vittorio in particolare è sempre stato affascinato dal cinema sin da piccolissimo! Conosce a memoria le battute dei film che gli piacciono, si ricorda le trame e i personaggi. Io non gli faccio seguire i programmi dei palinsesti. Cerco di selezionare i film per bambini che comunque trasmettono molti valori, come i cartoni di nuova generazione che trovo molto piacevoli.

Lei è particolarmente devota a Padre Pio. Come è nata questa sua amicizia verso il Santo di Pietralcina?

È un Santo che ho sempre seguito. Mi trovavo in Francia, dove padre Pio è molto seguito, ed entrai in un Santuario dove c’era una sua statua chiedendogli una cosa che mi stava molto a cuore: di lì a pochi mesi questa cosa si è avverata. Da allora porto sempre con me il rosario di padre Pio, mi rivolgo sempre a lui per essere tranquillizzata nei miei momenti difficili e cerco di non lasciarlo mai con il pensiero.

 

Come vivete la fede in famiglia?
La condividiamo con i bambini. Giulio in particolare, che è molto osservante, mi ha riavvicinato alla chiesa. Lui ha seguito Cristiana nella preparazione ai sacramenti e anche i miei bimbi piccoli, la sera, non si addormentano se non recitano la preghiera.

Lei si muove quotidianamente nell’affascinante mondo del gossip di cui si legge nella pagine patinate.

È una domanda da un milione di dollari! Questo è un ambito lavorativo più in vista di altri: come in ogni ambiente ci sono rapporti umani che nascono e finiscono, invidie e difficoltà ma anche momenti di grande soddisfazione umana e professionale. Io cerco di essere sempre me stessa e di portare, nel mio lavoro e negli eventi che organizzo, i valori in cui credo. Anche in questo ambiente le persone possono dissimulare, ma prima o poi quello che si è viene fuori. A me capita di intessere rapporti autentici con tanti personaggi di questo mondo – i cosiddetti

Un personaggio che l’ha colpita tra quelli che ha conosciuto?

Meryl Streep. È una donna normale, di cuore, una mamma con quattro figli; non è assolutamente diva, ed è una grandissima attrice. Ha una famiglia felice con figli sani e non viziati e un bellissimo rapporto, di grande equilibrio, con il marito. In lei ho visto un grande insegnamento: per essere grandi attrici non è necessario sgomitare o atteggiarsi. Lei è molto corretta, educata e professionale, e rispetta il lavoro degli altri. È una persona autentica che ammiro molto.

 
< Prec.   Pros. >