Il sito web di Cristina Sartori - Restauro per Villa Contarini Ghirardi
Il sito web di Cristina Sartori
Home arrow Articoli Pubblicati arrow Restauro per Villa Contarini Ghirardi
Menu principale
Home
Articoli Pubblicati
Altri Scritti
Ultime Notizie
Dicono di me
Mappa del sito
Cerca nel sito
Contatti
Articoli Pubblicati
Padre Placido Cortese, la sua vita dono del silenzio.

CORCOS. I SOGNI DELLA BELLE ÉPOQUE

L’OSSESSIONE NORDICA. BÖCKLIN, KLIMT, MUNCH E LA PITTURA ITALIANA

LA BELLA DI TIZIANO

DONNE EBREE, PROTAGONISTE DELL'ARTE ITALIANA

UGO VALERI. VOLTO RIBELLE DELLA BELLE POQUE

GRAZIELLA VIGO. VERDI IN SCENA

MANET. RITORNO A VENEZIA

GOUPIL e GLI ITALIANI DI PARIGI. Mostra a Palazzo Roverella

GIUSEPPE DE NITTIS

ARCHITETTURA Gruppo giardino storico. Il paesaggio tra natura e storia

IL MERCATO DEL TESSUTO. Storia di un negozio e di una famiglia

PADOVA 1310. PERCORSI NEI CANTIERI ARCHITETTONICI E PITTORICI DELLA BASILICA DEL SANTO.

L'ARTE SCOPRE LA DONNA DI FATICA

Il Gattamelata vuole tornare a risplendere

OSPITI AL MUSEO, La mostra ai Civici Musei di Padova

SOROLLA. I colori e il sole dAndalusia

IL DIVISIONISMO A PALAZZO ROVERELLA A ROVIGO

QUANDO LARTE DIVENTA PREGHIERA: LARPA DI LETIZIA PIVA

QUELLA DEL VAJONT, la vita di Tina Merlin

Erano prigionieri a Padova gli jugoslavi deportati dal fascismo

La Luna di Miele! Un sogno lungo un viaggio

MATRIMONIO IN TEMPO DI SOBRIETA'

VENERANDA ARCA DEL SANTO 2012 - Proseguono i restauri

VENERANDA ARCA DEL SANTO 2012 - Proseguono i restauri

IL CELESTE IMPERO: la dinastia Manci a Treviso

REMBRANDT a PADOVA e altre mostre a NordEst

RESTAURATE LE SALE SAVOIA a VILLA PISANI di STRA

LA ZONA INDUSTRIALE NORD DI PADOVA

Ill nuovo Orto Botanico di Padova

BIENNALE DI ARCHITETTURA BARBARA CAPPOCHIN V^ edizione 2011

ESPRESSIONISMO E SIMBOLISMO in mostra

ARTE IN MOSTRA - VENEZIA E L'EGITTO

LIDIA MARTINI

UN RICORDO DI LIDIA MARTINI

MOSTRE DI FINE ESTATE

PADOVA NEL RISORGIMENTO

RISORGIMENTO E CHIESA

LE GRANDI MOSTRE. Dallevento alla normalit

CHARDIN COPIA CHARDIN

MOSTRE A NORDEST

MUNCH E LO SPIRITO DEL NORD. Scandinavia nel secondo Ottocento

DA CANOVA A MODIGLIANI. IL VOLTO DELLOTTOCENTO

GIACOMO FAVRETTO Riscoperta dun maestro dellOttocento veneto e di unarte fatta di particolari

FIORI E MOSTRE FLOREALI

STORIE DI UOMINI E DI CANI

LUCIO DALLA SULLE ORME DEI FRANCESCANI

GIORGIONE, In una mostra il suo mistero

BOLDINI E SIGNORINI, Italiani d'Europa, stregati da Parigi

Restauro per Villa Contarini Ghirardi

Padovano dal respiro magiaro - Matteo Massagrande a Villa Manin

L'ATELIER DELLA DECIMA MUSA

PINACOTECA DI BRERA. DUECENTO ANNI DI STORIA

In restauro il colonnato del Bernini

ANDAR PER MOSTRE A NORD EST

RITRATTI ILLUSTRI: I Giganti Padovani

Puccini, genio e sregolatezza

Sant'Antonio approda in Russia

Il Santo cambia casa

Adelina, mai pi sulla strada

LA PADOVA POSSIBILE DI GIUSEPPE JAPPELLI

Mario Rigoni Stern. Il ricordo di Gian Antonio Stella

LA DONNA NELLA BELLE POQUE ITALIANA

I Giganti del Liviano, maestri di virt

50 Giganti vestiti di nuovo

Testimoni a rischio della vita

Jappelli in punta di lapis

Neri Marcor: un vero camaleonte dello schermo

Ottavia Piccolo attrice per caso

Veronica Pivetti, tanta voglia di ridere

Buon compleanno Cinecitt

CINEMA. INTERVISTA A GIULIO BASE, REGISTA DEL FILM "LINCHIESTA"

Tiziana Rocca. Comunicazione e personalit

A Rovigo la prima antologica su Mario Cavaglieri

Serre e Giardini d'Inverno: da semplici cedrare a spazi conviviali

Grande sporca guerra nel libro "La guerra di Giovanni" di Edoardo Pittalis

Numeri e curiosit di una grande rivista

Lorella Cuccarini, la pi amata dagli italiani

Lorella Cuccarini in Congo e Sri Lanka per Trenta Ore per la Vita

Padre Placido Cortese: il coraggio del silenzio

Tina Lepri e Diana de Feo su MADRE

Turner e gli Impressionisti a Brescia

A Padova, riapre la Scoletta del Santo

Larte e il sacro. La scommessa di Verona

Andar per Ville.. tra fasti e segreti

Luisa Corna. Una vita per cantare

Padre Peter Zago tra i bambini del Pakistan

Andrea Mantegna: 1506-2006. Cattur i primi segni del Rinascimento

Un nuovo volo per Francesco Baracca

Andrea Mantegna, l'inventore del Rinascimento

Quinta Edizione del "Premio Internazionale Sant'Antonio"

Torna visibile la Sala dell'Iscrizione del Castello della Specola

La rosa persa e ritrovata

Le Stanze del Principe. I Camerini del duca Alfonso I d'Este

Emozioni cromatiche. 35 anni di pittura di Ferruccio Gard

Filippo De Pisis a Palazzo dei Diamanti

Ville Venete - un portale per il Terzo Millennio

Marilena Rubaltelli. Lacci, barriere e tanta voglia di vivere

A Maggio si rivedr la "Rosa di sant'Antonio"

EUROPA: italiano un fiore su quattro

A La Spezia in mostra la Collezione Lia

Santa Giustina - Un cantiere aperto da oltre 400 anni

Ville Venete: il prossimo passo la tutela del paesaggio

A Gardone Riviera il Museo del Divino Infante - I Bambini di Hiky Mair

Sono tornate le ruote: ora sono le culle per la vita.

Le mostre evento del 2006

L'emozione e la storia sciolti nel paesaggio



Joshua Reynolds e l'invenzione della celebrit

Esperienze Professionali
Ufficio Stampa
Giornali
Pubblicazioni
Radio
Televisione
Formazione
Restauro per Villa Contarini Ghirardi Stampa E-mail
venerd 23 ottobre 2009

Continua il recupero della «reggia» di Piazzola sul Brenta per rilanciarla come contenitore culturale. Ora il secondo piano dell'Ala Ovest , ripristinato come negli Anni Venti, è tutto dedicato all'arte contemporanea.

Di Cristina Sartori, pubblicato sul settimanale diocesano LA DIFESA DEL POPOLO del 25 ottobre 2009, pag. 41

PAG_41_restauro_villa_contarini

La chiamano la reggia Contarini, per il suo scenografico impianto architettonico e per le notevoli dimensioni. Sicuramente villa Contarini Ghirardi è uno dei gioielli dei quali si fregia il territorio veneto, ascrivibile a quel patrimonio così ricco e particolare composto appunto dalle celebri ville venete.
Un impianto architettonico e monumentale di grandi dimensioni, situato a Piazzola sul Brenta, tra Padova e Vicenza, la cui  costruzione risale al sedicesimo secolo. Nell’arco dei secoli fu oggetto di grandi rimaneggiamenti e di grandi problematiche di gestione che hanno visto, specialmente nei decenni più recenti, anche lunghi momenti di disuso. Acquistata nel 2005 dalla regione Veneto, dalla metà del 2008 villa Contarini Ghirardi è amministrata direttamente dalla regione con l’obiettivo di riportarla agli antichi fasti e di rilanciarla quale prestigioso contenitore culturale, in grado di ospitare convegni ed esposizioni artistiche contemporanee, in collaborazione e con la supervisione della segreteria cultura della regione. L’ultimo intervento di restauro – un intervento di riqualificazione e risistemazione – riguarda il secondo piano dell’ala ovest, non utilizzato dalla metà degli anni Settanta e da poco inaugurato con una rassegna espositiva dedicata all’artista veneto contemporaneo Giuseppe Galli, in arte Pope.  «Negli ultimi anni – spiega l’architetto Davide Miola, responsabile della gestione della villa – l’intero complesso di villa Contarini è stato oggetto di numerosi interventi di restauro. Il secondo piano dell’ala ovest, posta sopra la celebre sala delle Conchiglie, è un lungo vano intervallato da archi, che fino a qualche anno fa era usato solo sporadicamente. Si è partiti dalla rimozione della moquette che ricopriva i pavimenti in parquet di legno a quadrettini risalente agli anni Venti del Novecento, i quali si sono dimostrati in stato piuttosto critico.
Quindi si è proceduto alla ripulitura dalla colla mediante levigatura e al ripristino del manto ligneo con inserimenti di tasselli in legno consono nei punti mancanti, poi stuccati a mano. Quindi si è passati alla fase di oliatura a mano di tutta la pavimentazione, utilizzando materiali naturali e il più possibile vicini ai trattamenti originari del primo impianto del pavimento, che non prevedevano l’utilizzo di vernici chimiche».
Sono state rimosse poi le catenelle apposte sulle pareti della sala che venivano utilizzate per appendere quadri; si è provveduto all’adeguamento e alla messa a norma di impianti elettrici e di illuminazione. Attualmente è in  funzione un impianto generale, ma è in previsione lo studio di un’illuminazione specifica per le mostre.
Tutti i locali sono stati tinteggiati in color bianco avorio ed è stato installato un impianto di pannelli in Mdf, forabili, appoggiati al pavimento e fissati ai muri perimetrali, anch’essi tinteggiati in bianco avorio, per consentire il massimo risalto alle opere che via via verranno esposte. Le finestrature sono state arredate con nuovi tendaggi in tessuto di  pregio, anch’essi di colore neutro per non interferire appunto con le rassegne espositive.
La copertura della sala era perfettamente integra così come non sono state individuate infiltrazioni di umidità. Anche la portanza dei solai era intatta. «Tutti i lavori – conclude l’architetto Miola – sono stati eseguiti in pochissimo tempo, poco più di quaranta giorni, lavorando anche tutto agosto, in collaborazione con la direzione demanio e patrimonio della regione Veneto e con la struttura di competenza per la gestione della villa».
La risistemazione è stata inaugurata con la mostra dedicata al pittore veneto Pope che resterà allestita sino al gennaio 2010; dopodiché prenderà il via il nuovo programma mostre dedicate all’arte contemporanea veneta e non solo.
Cristina Sartori
 
< Prec.   Pros. >